Home » Le audaci visioni di FucineMute

Lug
20

Le audaci visioni di FucineMute

Scopro con piacere (grazie ad una visitatrice che non ho fatto in tempo a fermare nei mieri referrer, e me ne scuso) un web magazine di grande livello, realizzato a Trieste (anche se non ho ancora capito quel è la home page: questa o questa? Io propenderei per la prima ma…). Si parla di cinema, arte, fumetti, tendenze contemporanee, comunicazione, mass media. Provate a sfogliare la sezione dedicata ai saggi (con pregevoli interventi di Eco, Longo, Sanguinetti…) o il canale dedicato al postmoderno (con interventi di Dorfles, Barilli e, udite udite, Enrico Ghezzi).

La navigazione mi fa venire il mal di mare (credo siano passati da poco su una nuova piattaforma e vecchio e nuovo conviviono), ma vale la pena immergersi…

6 Commenti

  1. b.georg ha detto:

    in effetti è difficile raccapezzarsi. Come hai fatto ad arrivare alla sezione saggi? Io non ci arrivo da nessuna parte :) Bisogna farsi almeno 3 bookmark per ‘sto sito :) Però belle firme…

  2. b.georg ha detto:

    complice il pomeriggio di scarso lavoro mi sono letto il primo saggio nella sezione postmoderno, quello di petronio. “imbarazzante” mi pare una definizione appropriata, al di là dell’ovvia condivisibilità di alcune sue posizioni. Passerò direttamente a quello di Schulz-Buschhaus, che mi pare più serio. Grazie ancora della segnalazione.

  3. 02068449 ha detto:

    ehm, devo dire che condivido, caro b.george. E scusa il “flame” su uno dei tuoi post recenti.

    ciao

  4. b.georg ha detto:

    a me non pareva un flame :)

  5. utente anonimo ha detto:

    l’unica cosa veramente grave è che continui a chiamarmi b.georgE :-)

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede