Home » Archivi per ottobre 2006

Ott
29

Mi sono fatto socio

logo di ACTAebbene si, alla fine mi sono fatto socio. Perché?  Per tanti motivi, alcuni dei quali prevedibili, altri meno.

E il meno prevedibile di tutti è che ho scoperto che tra i fondatori c’è Sergio Bologna (che ha scittto questo libro, e ora scrive qui), uno studioso del mondo del lavoro che all’epoca mi colpì molto per l’acume e l’originalità con le quali afforntava temi che in Italia erano ancora solo abbozzati.

L’altro giorno, molto candidamente, mi ha telefonato. Voleva conoscermi, visto che l’avevo citato due anni fa su questo blog. Potete immaginare la mia sorpresa. Credo che questo sia un fatto più unico che raro e la dimostrazione che forse i nostri “miti” (diciamo così) sono molto più vicini, oggi, di quanto lo fossero prima (e non molto prima). Certamente grazie alla Rete, ma anche, credo, perché nel frattempo siamo diventati grandi. E meno male.

Ott
13

Arriva il COMPA, ricordatevi di me

Messaggio di servizio: datosi che sta arrivando il COMPA, e datosi che io sono un consulente-formatore sempre in cerca di lavoro, e datosi che ho fatto un sacco di cose piccole e meno piccole con la Pubblica Amministrazione, e datosi che in genere ecco, le sopracitate Ammnistrazioni sono in genere soddisfatte del mio lavoro, e datosi che il COMPA è una fiera molto importante, e datosi che alcune delle Amministrazioni andaranno lì con lavori ai quali ho in piccola parte contribuito e datosi che molte persone della Pubblica Amministrazione sono state formate da me ma resto un perfetto sconosciuto ai più, e datosi che sono un po’ in anzia per il mio futuro, ecco, datosi tutto questo prego chi va al COMPA e mi conosce di fare anche, ogni tanto, con garbo, senza esagerare, il mio nome, ecco. Grazie.

Ott
9

Scrittura, spazio, mutazioni

Spesso sentiamo dire, non senza una certa dose di pomposità, di quanto la scrittura web abbia più a che fare con lo spazio che con il tempo. Mentre le linee scritte di un libro corrisponderebbero perfettamente a quella che De Saussure chiamava la linearità del segno linguistico, ovvero la sua disposizione temporale in una successione, la scrittura sul web avrebbe una connotazione “topologica” (Bolter) molto lontana dalla riproduzione lineare del suono.

Già.  Ma se poi proviamo a dare qualche esempio di questa scrittura topologica ci troviamo, a volte, in imbarazzo. Certo, possiamo trovare degli esempi che si avvicinino, ma spesso rimaniamo nel regno della speculazione.  Beh,  e allora voglio segnalarvi qualche cosa di assolutamente unico, che testimonia perfettamente come l’idea di scrittura “topologica” possa essere qualche cosa di più di una semplice suggestione da filosofi.

Eccolo qui: premiato al concorso “Scrittura mutante” della Fiera del libro di Torino dell’anno scorso, 2005… geniale (grazie a Leuca per la segnalazione). Servono anche le casse…

Ott
1

Blog, folksonomie e egocentrismi organizzativi

L’amministratore Delegato mette su il blog in intranet e i dipendenti lo ricoprono di insulti. E’ successo alla Siemens (l’articolo è qui). Notate che per commentare bisognava autenticarsi (e quindi identificarsi). Perché è succsso? Sembra che l’azienda sia in fase di ristrutturazione e non tiri una bella aria. Nonostante il risultato, certamente ambiguo, io continuo a difendere esperimenti come questi.

Intanto all’IBM provano le folksonomie su intranet (all’IBM sono veramente avanti…). Che cosa significa? Che i dipendenti possono boookmarkare specifiche pagine direttamente su intranet, aggiungendo i loro tag personali. Sembra che questo sistema sia diventato una necessità per una intranet che ha ormai migliaia di pagine. Capito? Una necessità.

Infine, Gerry McGovern ci ricorda l’errore madornale di organizzare i contenuti della intranet seguendo a occhi chiusi l’organizzazione formale e non i task prioritari degli utenti. In questo articolo ci spiega perché è meglio dimenticarsi (almeno in parte) dell’organigramma.

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede