Home » Archivi per lego serious play

Ott
4

Progettare le intranet con i lego

Ho pescato un articolo di qualche anno fa di Ernst Décsey, intranet manager per l’UNICEF, che spiega come ha progettato collaborativamente una nuova intranet usando i mattoncini LEGO.

In questo caso non si tratta della più complessa metodologia del LEGO serious play, che da qualche tempo si sta affermando anche nel nostro Paese, ma di un sistema più semplificato (ogni sessione può durare anche solo 20 secondi): ad ogni partecipante viene chiesto di costruire la sua personale intranet usando mattoncini di diverso colore, e ciascun colore rappresenta una componente della intranet (contenuti, collaborazione, attività, social, news).

Il risultato è una rappresentazione “plastica” di quello che la intranet è o dovrebbe essere per ciascun partecipante.

Secondo Ernst i risultati più evidenti che si ottengono applicando il metodo in diverse sessioni sono i seguenti:

  • i contenuti vengono sempre messi come base di qualcunque progetto;
  • le news sono viste ancora come la principale porta d’ingresso;
  • la presenza di componenti di “attività”, ad esempio prenotare sale riunioni o ordinare la cancelleria) resta una forte abilitatore;
  • la componente “Collaborazione” è sempre intrecciata con la componente “Social”;
  • la componente “Social” è considerata la “colla” che unisce tutte le componenti.

Mi sembra davvero un sistema molto interessante e facile da implementare. :-)

Per chi fosse invece interessato alla più complessa metodologia dei lego serious play segnalo questo bellissimo evento a Milano dal 20 ale 23 ottobre 2016: la prima festa italiana dedicata alla metodologia.

Ci saremo? (sconti per i soci architecta).

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede