Home » Feticista in action

Lug
9

Feticista in action

Dopo un lunghissimo periodo di anarchia ho finalmente ricondotto all’ordine i miei libri, in uno spazio adeguato (costruito con le mie manine). Inutile dire che ne vado molto fiero. Inoltre la finirò di inciampare e di ritrovarmi libri ovunque. Altra novità: il passaggio dalla delirante classificazione per formato a quella per argomento. I miei libri stanno un po’ recalcitrando, ma sono sicuro che riuscirò a convincerli…

7 Commenti

  1. skyclad ha detto:

    Pensa che ci sono persone che utilizzano un intelligente suddivisione cromatica!! Ma se dovessi cambiare di nuovo classificazione e li dovessi ordinare uno-ad-uno dal più inutile al più prezioso, quali sarebbero i due estremi?

  2. skyclad ha detto:

    ((eccolo: l’avevo dimenticato))

  3. 02068449 ha detto:

    skyclad, mi hai messo in corner: non ne ho idea…

  4. utente anonimo ha detto:

    Non ho parole, complimenti, Tutto da solo! Sei il figlio che vorrebbe mia madre(e anche la libreria).

    Tolli

  5. simona1982 ha detto:

    Hmmm vieni a costruire una cosa del genere in camera mia??

    Mio padre si rifiuta di farmi comprare una libreria x la mia stanza perchè dice che non c’è posto (x me c’è…) e io ho ilbri ovunque… Pure nell’armadio dei vestiti…

    Ogni volta x studiare è un casino devo fare la caccia al tesoro!!!

  6. utente anonimo ha detto:

    Spero tu non debba traslocare mai piu’ nella tua vita, che’ la massa di libri comincia a farsi imponente.

  7. meravigli ha detto:

    Che bello! Le mie librerie sono ordinate per aree geografiche (letteratura inglese, letteratura italiana), per lingue e per argomenti (fotografia, architettura..)

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede