Home » Un pensiero vivente

Mar
30

Un pensiero vivente

Sono pochi quelli che considero miei maestri spirituali. Uno di questi è un pensatore che sfugge ad ogni definizione, e ancora oggi è fonte di grandi suggestioni nel mondo della ricerca nelle scienze umane. Spesso chi si occupa di comunicazione fa riferimento alla sua opera, anche se, magari, non consapevolmente. E’ il destino dei grandi. A Roma, il 14 e 15 maggio 2004, si sovlgerà un convegno dedicato al pensiero e all’opera di Gregory Bateson. Per chi volesse approfondire

7 Commenti

  1. sf3pci ha detto:

    Sto leggendo “Verso un’ecologia della comunicazione”. Non avevo letto ancora niente di lui. Dovendo scegliere, quali altri testi mi consigli? Grazie, ciao.

  2. 02068449 ha detto:

    La classica raccolta: “verso un’ecologia della mente” di Adelphi. Alcuni saggi sono delle vere pietre miliari…

  3. utente anonimo ha detto:

    L’anno scorso ho letto ‘Verso un’ecologia della mente’ ed e’ davvero un gran libro.

  4. 02068449 ha detto:

    scusa merendina, non avevo capito: in realtà in quel libro ci sono le cose migliori: lui è un pensatore non sistematico e quindi la raccolta è la dimensione migliore. cmq anche “mente e natura” è molto interessante ciao

  5. sf3pci ha detto:

    Grazie, seguirò il tuo consiglio.

  6. utente anonimo ha detto:

    Io approfitto del tuo consiglio anche perchè Bateson è continuamente citato nei libri di Giuseppe O. Longo, tra cui “il nuovo Golem”, libro che mi permetto di consigliare come complemento a chi è interessato a Bateson.
    Ubik

  7. mafe ha detto:

    Se quel fine settimana l’impegno che ho salta, vengo sicuramente a Roma, così ci conosciamo!

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede