Home » Proprio come Frankie…

Mar
29

Proprio come Frankie…

Ebbene sì: dopo mille peripezie il mio Rap dedicato alle aziende è finalmente una realtà. Più corrosivo di Frankie HI. nrg (massimo rispetto per il più grande…), più trasgressivo dei Pubblic Enemy, più cool di Eminem è ora disponibile, da scaricare, la versione finale di “Professionista Rap” (3,8 mega, da scaricare qui.)

jack come frankie

Il rap è frutto della collaborazione del sottoscritto (per i testi) e di un giovane rapper della scena romana, ovvero Giacomo Bevilacqua, in arte Keison, per la musica e l’esecuzione. Sono molto molto soddisfatto: aspetto pareri. Ecco il testo del rap, nella sua versione definitiva.

Professionista rap

Testo: Giacomo Mason

Musica: Keison

Esecuzione: Keison

C’è chi mi chiama carrierista, arraffone, opportunista. Arrivista. Corro come un pazzo nella pista, la laurea due master lo sguardo che conquista. Vi basta o non vi basta? No, non è mai abbastanza.Sono quello che sa, a viver come si fa, sono quello che va ma non sa dove va. Sono quello che in riunione fa il cretino, fa battute da bambino, intelligente vinco sempre a Sapientino.

Sono un professionista, votato alla causa, del salto con l’asta del gioco di squadra del manager tosto che tutto sovrasta e della vincente proposta, purché sia espressa in maniera composta. In maniera composta. Sono saliente, tagliente, opportuno e coerente, la pacca la dò al sottopanza potente. Non per niente sono edonista, ottimista, moderato qualunquista credo di meritare qualsiasi conquista. Ironia, gogliardia, la paura va via, se parliamo di gnocca io ho da dire la mia Trasformo i problemi in soluzioni, vado alle riunioni per domare i miei leoni con discorsi polpettoni.

Sono quello più quotato, sono stato nominato

in lista coi papabili per il pontificato

non voglio portar sfiga, ma sono nella lista…

sono un professionista.

Sono un professionista.

Zen, ginsen, palestra for men, tai chin chuan fit for fun e pure men’s healt. Quando parlo dei miei viaggi senza limite sarai tu il primo ebete ad ascoltarli tutti dall’inizio al termine. Sono una mina vagante, sotto i piedi del cliente formulo slogan dal niente che poi ripeto sapiente durante riunioni pesanti. Sono colui che sa due cose e si diverte a ripeterle ai tanti. Rosari aziendali, polpettoni senza storia, mi basta saperli a memoria per fare una porca figura. Applicarli è secondario, sono io che guido il gioco, qui non serve aver cervello e nemmeno aver studiato

Sono quello più quotato, sono stato nominato

in lista coi papabili per il pontificato

non voglio portar sfiga, ma sono nella lista…

sono un professionista.

Sono un professionista.

Rotola la mia esistenza vissuta con prudenza, i giorni passano nella mia casa, la mia azienda. Vivo, con tutti convivo, anzi coabito. “Dalla a me la pratica!”, (tanto domani è sabato) Credo alla mission, vedo la vision, se vado in depression mi infilo in convention. E lì ci resto. Vivo senza gioia né dolore tra le pieghe delle ore non mi faccio mai distrarre del rumore Ecco, lo sento, il mio capo è contento, forse ha corretto le bozze del mio documento. Il progetto, i valori, gli obiettivi, la posa, giustifico col mutuo il mio pensiero che riposa.

Sono quello più quotato, sono stato nominato

in lista coi papabili per il pontificato

non voglio portar sfiga, ma sono nella lista…

sono un professionista.

Sono un professionista.

Rip.

Sono un professionista sono

Sono un professionista

Sono un professionista sono

Professionista.

9 Commenti

  1. Nonostantetutto ha detto:

    Sei un grande.

    Non lo so mi fa un po’ di tristezza.

    Come dire la cosa importante zb>è non guardarsi allo specchio.

    Si, insomma, quello che intendo dire che certe cose è meglio che siano altri a dirle, non noi stessi.

    In un film Massimo Troisi diceva a chi gli narrava delle effusioni amorose della sua ex:

    “Ma queste cose si dicono sempre alle spalle dell’interessato non in faccia”.

    Ecco vale la stessa considerazione.

    Siamo tutti dei “professionisti” ma è meglio che ce lo dicano alle spale non in faccia.

    Detto questo dirò che come rap è perfetto.

    Una sola considerazione.

    Avrei aprezzato, da un “professionista” un formale riferimento a Power Point, che per me più che un’applicazione è diventanto un modo di esprimermi. Certe volte ho paura di non sapere più parlare l’italiano.

    Scene del tipo:

    “Vorrei invitarti a cena perché sei … come dire … ah senti guarda facciamo così … ti faccio due slide !!”. Con il rischio di sentirmi dire: “si … forse è meglio …”

    Buona serata.

  2. tolli ha detto:

    Grande Mason, diventerai più famoso di Perry!

  3. 02068449 ha detto:

    le slide c’erano, ma le ho dovute togliere perché non stavano in metrica

    ;-)

  4. utente anonimo ha detto:

    Il testo è tremendo

  5. utente anonimo ha detto:

    Bellissima, l’ho mandata a una 40ina di persone…

    rap virale

    l’lultima frontiera della musica ?

  6. skyclad ha detto:

    Ti dico solo che sei sul mio iPod…

    ;)

  7. utente anonimo ha detto:

    Oggi ho acquistato il tuo libercolo “Come si presenta con le slide”.

    Immersa perennemente in testi tecnici vediamo un po’ se questo mi porterà in un’ altra dimensione…;o))

    Barbi:o)

  8. utente anonimo ha detto:

    questa hit me la metto sul palmare…

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede