Home » Solo per autentici rapaci

Mar
18

Solo per autentici rapaci

C’è poco da fare: i siti delle università si dimostrano sempre di più una vera miniera di informazioni e materiali da scaricare. Le possibilità di studiare e approfonidre gratuitamente ci sono, bisogna però avere voglia e tempo di farlo e questo è un altro paio di maniche. Ad ogni modo provate, ad esempio, a dare una scorsa ai materiali da scaricare del corso di Scienze della comunicazione della Sapienza di Roma: molto, molto interessante. Per chi ha voglia di leggere qualche cosa sulle teniche di scrittura consiglio di scaricare il malloppone sulla teoria della comuncazione scritta (90 pagine, scarica direttamente da qui), curato da Ornella Orlandoni (grazie Ornella, chiunque tu sia…). C’è un po’ di tutto, dalle regole di grammatica e sintassi alla descrizione dei vari tipi di testo. Per autentici rapaci della cultura.

5 Commenti

  1. utente anonimo ha detto:

    ho appena scaricato il materiale della orlandoni… ad un primo sguardo sembra abbastanza interessante… BUONA DOMENICA A TUTTI!! luca

  2. utente anonimo ha detto:

    weee…proprio la tanto criticata facoltà di scienze della comunicazione!! chi l’avrebbe mai detto è?

  3. utente anonimo ha detto:

    azz… non è mai inutile passare di qua

    (ti lascio un commento solo perché ci tieni tanto…)

  4. utente anonimo ha detto:

    e pensa a chi in quel caos ci vive ormai da quattro anni cercando di scaricare cose utili e trovandosi con tante cose inutili…una studentessa di SdC

  5. mnz ha detto:

    contents gardening?

    subito sotto il link segnalato ce n’è uno lungo una decina di videate…. :)

    e si occupano di comunicazione….

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede