Home » Il ruolo strategico degli “evangelisti”

Giu
26

Il ruolo strategico degli “evangelisti”

Toby Ward segnala il caso della intranet di Motorola, decisamente improntata a logiche 2.0. Il caso è interessante, tra le altre cose, perché pone in luce il ruolo degli “evangelisti”, ovvero di quelle “elite professionali” che in qualche misura fanno da traino o “testa di ponte” nello spingere le persone ad adottare i nuovi modelli di collaborazione e comunicazione (ma, in generale, tutti i nuovi modelli organizzativi).

Nel caso della Motorola si è trattato di 250 persone (chiamate “Knowledge champions“), piazzate strategicamente in tutti i settori aziendali. Questo fatto non è un mero accessorio nelle strategie di comunciazione digitale dentro le imprese: per quanto mi riguarda l’individuazione di queste elite e di queste figure-chiave fa parte integrante della strategia di approccio alla intranet.

Può trattarsi di persone particolarmente “skillate” o di settori che culturalmente si trovano più avanti, o di gruppi che si sono trovati, anche loro malgrado, sulla “frontiera”. In ogni caso individuare questi gruppi e queste persone è fondamentale per permettere una adozione “dal basso” di questi sistemi.

Adozione che si basa spesso (come anche nel caso della Motorola) sul passaparola organizzativo.

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede