Home » L’avanzata degli intranet-qualcosa

Set
16

L’avanzata degli intranet-qualcosa

E’ davvero buffo come il panorama delle pubblicazioni online dedicate a intranet e affini si stia facendo affollato in modo a dir poco sorprendente. Un tempo confinato a pochi specialisti fatalmente insicuri e avventuristici, il tema è esploso dando vita ad una letteratura accomunata da un’unica caratteristica: tutti i siti si chiamano intranetqualcheccosa.

Sono finiti i tempi in cui lo scettro nonché l’agenda degli argomenti era dettata dalla pionieristica newsletter di intranetfiles ( ah, i bei tempi andati): oggi abbiamo una schiera di specialisti che scalpitano con casi, consigli, indicazioni e tutto quello che può essere utile per gestire un progetto intranet.

Abbiamo le risposte dell’intranet professor, (dietro il quale sta il buon Andrew Wright), gli enigmatici tumblr di intranet secrets, (dietro il quale troviamo le vulcaniche menti di quelli di thoughtfarmer) le piccanti avventure dell‘intranet diary e le serie segnalazioni dell’intranet lounge. E anche i francesi non si fanno mancare il loro – austero – intranet-infos.

In Italia, accanto all’ormai vetusto intranetmanagement e al tenace IntranetLife arriva anche l’intranet Eccellence, dedicato all’interazione di filmati formativi in Sharepoint.

Insomma, siamo in buona compagnia e sappiamo anche qual è la prima cosa da fare se vogliamo creare una nuova pubblicazione online: trovare la parolina da coniugare con intranet. E ogni giorno che passa è sempre più difficile. :-)

Un commento

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Luke Oatham, Maurizio Patitucci. Maurizio Patitucci said: L’avanzata degli intranet-qualcosa http://is.gd/ff38S […]

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede