Home » Intranet e la sottile arte del quick link

Mag
2

Intranet e la sottile arte del quick link

Sono sempre attratto da ogni articolo o post che dia indicazioni pratiche sul “come fare qualcosa” in ambito intranet, in special modo riguardo alla gestione dei contenuti. Per questo vi segnalo volentieri un recente articolo di IBF intitolato “La maledizione dei quick links“, che spiega come gestire i problemi relativi ad uno dei contenuti più comuni sulle intranet, ovvero il comodo box (in genere messo nella colonna di destra) che elenca una serie di risorse profonde da raggiungere subito, i “quick link” appunto.

Il problema è che questi link spesso non sono per niente quick, anzi a volte ci mandano fuori strada, o ci fanno fare giri assurdi tra le pagine della intranet o addirittura ci portano in posti di cui non ci potrebbe fregare di meno. Louise Bloom di IBF ci fa un buon esempio di un box di quick link ben disegnato:

 

Ideal Quick Links design with annotations

E ci dà alcuni consigli di buon senso per la loro creazione:

#1 – Scegliere i link per la loro importanza e popolarità e non in virtù di considerazioni “politiche”.

#2 – Mantenere una lista corta e leggibile.

#3 – Linkare direttamente alle risorse indicate.

#4 – Scrivere label chiare e senza gargo astruso.

#5 – Indicare con una icona l’apertura in una nuova finestra.

#6 – Indicare se è richiesto un login.

#7 – Lasciare che gli utenti aggiungano i loro link.

#8 – Arricchire la lisata con un tooltip di spegazione.

 

Tutto chiaro? Buon lavoro :-)

Un commento

  1. […] un breve ma interessante post di Giacomo Mason sui quick link delle intranet, prendo nota degli 8 suggerimenti per la creazione di link […]

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede