Home » Accademici con gusto

Feb
22

Accademici con gusto

Appena terminata la lettura del libro di Fabio Metitieri “Comunicazione personale e collaborazione in rete” (Franco Angeli) sono assalito da due sensazioni opposte: da una parte la soddisfazione nel trovare un volume che cerca di raccogliere e descrivere in maniera semplice e ordinata tutti gli strumenti e le principali forme di comunicazione e community presenti sulla Rete oggi, cosa non facile né scontata. Per me, che sono, alla fin fine, un ignorantone, è stato utilissimo. Metitieri sa bene di cosa parla ed ha il pregio della precisione e dall’obiettività.

Dall’altra parte ho provato un po’ di delusione, specie nella seconda parte, del libro, dedicata agli aspetti “pratici”, per un’inclinazione forse ancora troppo accademica e meno “appassionata”. La sensazione è quella di trovarsi di fronte ad un “grande vecchio” che ci segnala tutti gli elementi per creare un nostro percorso senza regalarci molti consigli pratici, limitandosi a quelli standard e conosciuti. Leggendolo non impariamo a creare una community dalla A alla Z, ma sicuramente disponiamo di una panorama bibliografico e teorico notevole per poter affrontare un nostro percorso. Insomma un libro che serviva, ed un buon punto di partenza per affrontare altri approfondimenti.

2 Commenti

  1. tolli ha detto:

    Metitieri, pur non volendo aprire un Blog suo, è un grande frequentatore di Blog, ospite fisso di quello di Mantellini, dove lascia sempre commenti caustici. Per anni è stato espulso da forum e newsgroup come un terribile OT. Chissà, magari verrà presto sul Tuo, oltretutto, è parte interessata, adesso.

  2. 02068449 ha detto:

    Detta così sembra una minaccia. brrr… :D

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede