Home » Verità con la “v” minuscola (ovvero: tutto quello che abbiamo)

Gen
22

Verità con la “v” minuscola (ovvero: tutto quello che abbiamo)

La rivista è di quelle della “destra colta italiana” (metto le virtgolette perché, al di là di come la si pensi politicamente, il suo statuto di questi tempi è perlomeno ambiguo: esiste? Si manifesta in modo organico? Partecipa attivamente al dibattito italiano di oggi? Ha dei luoghi e delle figure rapresentative? boh…) e si chiama IDEaZIONE.

Questo, il contesto. In questo contesto trovate un bellissimo articolo di Giuseppe Granieri dal titolo “Apologia del network relativamente stupido“. E’ dedicato a Wikipedia e alle implicazioni che un oggetto di questo tipo, costruito collettivamente e continuamente rivedibile, può avere sull’idea di verità e autorevolezza. Da leggere e meditare per capire qualche cosa in più della Rete.

5 Commenti

  1. utente anonimo ha detto:

    Sto leggendo l’articolo di Granieri, con interesse, ma anche con tanta fatica! Ci vuole proprio una grande motivazione per rovinarsi gli occhi così . Pari solo a quella necessaria per il sito italiano di Palahniuk(http://www.chuckpalahniuk.it/).

    Ciao e buona settimana.

  2. utente anonimo ha detto:

    grazie, bella segnalazione

  3. 02068449 ha detto:

    concordo assolutamente sui problemi di usabilità: nero su bianco o bianco su nero NON è la stessa cosa. Punto.

    ;-)

  4. bellallegria ha detto:

    questo blog è molto interessante.

    parli spesso di marketing?

    perchè a me interessa molto.

    quasi mi affascina.

  5. 02068449 ha detto:

    No, ne parlo poco.

    ciao

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede