Home » Un 5% di docce fredde

Lug
23

Un 5% di docce fredde

Non che ci dispiacciano le docce fredde in questo periodo, ma insomma questa è fin troppo gelida.

Si sente parlare spesso di personalizzazione della intranet (tipicamente, la possibilità da parte di ciascuno di aggiungere/togliere/modificare elementi – o widgets come si dice in gergo – dalla propria home page). Anzi, per la cronaca, per alcuni (come JMC) questa è l’evoluzione più prossima e probabile tra le tante evoluzioni possbili degli standard intranet (blog, wiki, RSS, Podcasting, ecc.).

Ecco un esempio:

intranet_personalizzata_(fonte: intranetblog di toby ward)

Il fatto è questo: ad oggi nelle le aziende che propongono al loro interno  intranet personalizzabili, solo una media del 5% degli impiegati (ovvero gli smanettoni, come al solito) usa realmente i sistemi di personalzizaizone proposti.

Effettivamente, con tutto il rispetto, non ce la vedo la sòra maria che va nella sua area amministrazione a cambiare i widget. Che sia una cosa per la prossima generazione di impiegati? (scusate il pessimismo, fa caldo e io sono a Roma al computer col ventilatore).

Ecco l’articolo di Toby Ward.

2 Commenti

  1. utente anonimo ha detto:

    Volendo si può salire un po oltre il 5%, ma lavorando molto sui seminari, sull’addestramento, sulla formazione ecc.

    Però ho ancora in mente un messaggio sulla nostra Intranet di un collega che diceva: “fra le due generazioni non vi sarà nessun segno di continuità. I nativi digitali romperanno DEFINITIVAMENTE con il passato”.

    Si tratta quindi di aspettare.

    Ciao

  2. 02068449 ha detto:

    Ma intanto dobbiamo mangiare!!!!

    (scherzo)

    Ciao Gigi, grazie del commento

    :-)

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede