Home » Il wiki e la sora lella

Feb
19

Il wiki e la sora lella

James Robertson ha scritto quello che penso da tempo: il wiki in intranet può funzionare solo se l’interfaccia diventa maggiormente trasparente. Insomma,  Il markup dei wiki non ha futuro.

Perché se anche un semi-smanettone come me trova difficoltoso orientarsi nel codice dei wiki, figuriamoci la sora lella, ovvero la collega della stanza a fianco.

Stiamo già chiedendo agli utenti di abbandonare il sistema ad albero per i contenuti. Non possiamo anche chiedere loro di abbandonare l’interfaccia Wysiwyg.

4 Commenti

  1. minoredik ha detto:

    parole sante.

  2. utente anonimo ha detto:

    Assolutamente vero, ed è per questo che per ora sono fondamentali i cosiddetti Wikichampion…

    Vieni al Barcamp Torino 2008?

  3. 02068449 ha detto:

    E chi lo sa…speriamo di essere ancora intero…

    Ciao

  4. Nonostantetutto ha detto:

    Il wiki. un po’ come tutte le cose, offre dei vantaggi e degli svantaggi. Per me, al momento, costituisce, più che uno strumento intranet, un modo per lavorare in maniera collaborativa in alternativa alle email.

    In questa propspettiva può essere molto utile.

    Noi ne creermo uno all’interno delle call guide dei call center per catturare le conoscenze che derivano dalla customer interaction.

    Ma anche, ad esempio, se un gruppo di lavoro deve riscrivere una procedura e gli utenti sono distribuiti sul territorio … perché non utilizzare un wiki invece delle email?

    Poi è evidente che le interfacce sono un tema centrale sempre … ma non solo per i wiki, vedo ancora dei mostri che si aggirano in certe intranet e tu sai bene a cosa mi riferisco.

    Un saluto.

    Rob.

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede