Home » E son soddisfazioni…

Feb
18

E son soddisfazioni…

Come forse ricordate sono alle prese con la costruzione e la gestione di un social network tecnico-professionale per persone che lavorano in un grande call center. Persone con la cuffia in testa che rispondono al cliente e hanno il bisogno di scambiarsi informazioni rapide oltre che quello di aggiornanrsi continuamente su prodotti, tariffe, soluzioni tecniche.

Il social network è già in piedi da un po’ (con il nome di “Campus” – sottotitolo: “Costruiamolo insieme”) e oggi, a commento di un post inserito dalla redazione nel “blog della Redazione” è arrivato questo commento:

'Redazionissima' io non pensavo mai di poter imparare quanto sto imparando dal 'nostro' social network  'Campus' , di conoscere tante persone in gamba e preparate come voi e tutti i colleghi che ora mi sento di poter chiamare anche 'amici'. Non vi nego che all'inizio sono rimasta un attimo spiazzata dall'apertura di Campus e che ho anche pensato: 'eccoooo!! una delle nuove trovate aziendali'. Bene ci è voluto un po’, ma non troppo,  per ricredermi sulla sua utilità e funzionalità e per aderire all’idea che fare network è per davvero un gioco da ragazzi!!:D). Ringrazio personalmente tutti voi della redazione per aver creduto in questo progetto e averlo potuto rendere fattibile. Il mio augurio e che si possa continuare su questa linea, crescere nelle idee e nelle realizzazioni ed ovviamente di avere sempre più nuovi campusiani d.o.c (denominazione di origine campusiana) e d.o.s (denominazione di origine simpatica). Ops......  dimenticavo, 'redazionissima' noi siamo in attesa di poter organizzare il ;nostro; raduno. Per info e suggerimenti siamo a completa disposizione.... :D

Giuro che non abbiamo pagato la collega…:-)

Lo riporto in calce

‘Redazionissima’ io non pensavo mai di poter imparare quanto sto imparando dal ‘nostro’ social network  ‘Campus’ , di conoscere tante persone in gamba e preparate come voi e tutti i colleghi che ora mi sento di poter chiamare anche ‘amici’. Non vi nego che all’inizio sono rimasta un attimo spiazzata dall’apertura di Campus e che ho anche pensato: ‘eccoooo!! una delle nuove trovate aziendali’. Bene ci è voluto un po’, ma non troppo,  per ricredermi sulla sua utilità; e funzionalità; e per aderire all’idea che fare network è per davvero un gioco da ragazzi!!:D). Ringrazio personalmente tutti voi della redazione per aver creduto in questo progetto e averlo potuto rendere fattibile. Il mio augurio e che si possa continuare su questa linea, crescere nelle idee e nelle realizzazioni ed ovviamente di avere sempre più nuovi campusiani d.o.c (denominazione di origine campusiana) e d.o.s (denominazione di origine simpatica). Ops……  dimenticavo, ‘redazionissima’ noi siamo in attesa di poter organizzare il “nostro” raduno. Per info e suggerimenti siamo a completa disposizione…. :D

Collega, grazie a te!

6 Commenti

  1. utente anonimo ha detto:

    Mi faccia capire Giacomo.

    1 post nel social network su quanti accessi?

    1 voto e media 4? C’è qualcosa che ci sfugge … ci dia, la prego, ulteriori spiegazioni.

    Le chiedo: “chi ha scritto questo sparuto commento che non parla minimamente di un problema di business ma che si limita ad incensare in maniere sospetta la soluzione?”

    Non è per caso qualcuno che la conosce ed i consulenti che con lei collaborano e che da TIM sono pagati per sviluppare una cosa che restituisce output così sospetti?

    Ma non si vergogna, almeno un poco, a postare cose così false, o falsate, in un blog che secondo lei dovrebbe essere professionale.

    Fa bene ad oscurare i nomi … ma non a tutela della privacy, a tutela della sua sempre più labile credibilità professionale.

    Un operatore serio di Tim che non intravede in Campus alcun aiuto alla sua attività professione ed al suo lavoro quotidiano. Ma lei ha mia lavorato in TIM?

    Dica la verità, però, per una volta.

  2. 02068449 ha detto:

    1 post nel social network su quanti accessi?

    > Tanti

    1 voto e media 4? C’è qualcosa che ci sfugge … ci dia, la prego, ulteriori spiegazioni.

    > è un meccansimo automatico. Sono evidenti sia il numero di voti che la media

    Le chiedo: “chi ha scritto questo sparuto commento che non parla minimamente di un problema di business ma che si limita ad incensare in maniere sospetta la soluzione?”

    > una tua collega

    Non è per caso qualcuno che la conosce ed i consulenti che con lei collaborano e che da TIM sono pagati per sviluppare una cosa che restituisce output così sospetti?

    > No, non la consoco personalmente

    Ma non si vergogna, almeno un poco, a postare cose così false, o falsate, in un blog che secondo lei dovrebbe essere professionale.

    > Evidentemente no :-)

    Fa bene ad oscurare i nomi … ma non a tutela della privacy, a tutela della sua sempre più labile credibilità professionale.

    > Ok

    Un operatore serio di Tim che non intravede in Campus alcun aiuto alla sua attività professione ed al suo lavoro quotidiano.

    > Cose che capitano. Fai bene a dirlo, così non ci montiamo la testa

    Ma lei ha mai lavorato in TIM?

    > no, a Tim no, in Telecom si, per 14 anni (di cui 4 come operatore di Call center)

    Dica la verità, però, per una volta.

    > Cercherò

    Ciao

  3. utente anonimo ha detto:

    Giacomo, che tristezza mi fa leggere sul tuo blog i commenti di qualche vecchio esemplare di intranettologo italiano. Mi viene il forte sospetto che chi ha commentato in questo modo (rintanato magari in un loft milanese dove tutti parlano di “”business” e “sell” ma mai e poi mai delle persone) non conosca nè te nè il tuo lavoro. Sicuramente non ha trovato il tempo di legggere i tuoi libri, nè il tuo blog, nè tantomeno ha provato a “copiare”, tanto per cominciare, le tue slides. Per meglio dire mi sembra di leggere in quelle parole la patetica resistenza al 2.0 che già conosciamo tutti, o la paura sacrosanta di chi dal tuo lavoro viene un pò alla volta messo in minoranza, spesso in ridicolo, come quando scrivono questi commenti anonimi. Di certo ti posso assicurare che chi ha postato non è un operatore TIM (non abbiamo la connessione a internet). Forse si tratta di qualcuno che da TIM fino a qualche mese fa (e a qualche “segata” di megadirigenti fa) prendeva tanti soldi per “controllare” la partecipazione alle “binisscommiuniti”. Ma chi se ne importa, tu pensa a quanto distante si trova dalla realtà un personaggio come questo, a che mezzucci si deve affidare per sentirsi figo, e fagli un bel pernacchione 2.0, magari fagli un favore e citalo nel prossimo libro, così saranno in tanti a riconoscerlo e a chiedersi “chissà che fine ha fatto”. Lui e tutti quelli come lui.

  4. 02068449 ha detto:

    Grazie di questo ultimo commento.

    Ma…se davvero l’anonimo commentatore non è un operatore del Call center in questione…ma allora chi cavolo è??!?!!?!?!

  5. Barbara ha detto:

    Io ringrazierei tanto l’utente anonimo non per i modi ma per essere controvento rispetto agli altri interventi. Quando racconto la mia tesi di laurea (inerente proprio i social networks) ad amici o pensano stia parlando di qualcosa di troppo complicato e geniale per potermi capire o ritengono che in fin dei conti siano inutili, che ciò che c’è già va più che bene.
    Ho visto usare intranet solo per svago o per cercare numeri di telefono..non è lo strumento tecnologico in sè a garantirne il successo soprattutto quando entrano in gioco componenti sociali di fiducia, scambio, condivisione, aiuto reciproco…
    Caro operatore serio di Tim perchè non intravede in Campus alcun aiuto alla sua attività?

  6. Giacomo Mason ha detto:

    Ciao Barbara, come alla fine abbiamo stabilito, probabilmente non si tratta di un operatore…Ciao

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede