Home » Il coinvolgimento del personale: solo marketing o c’è dell’altro?

Set
7

Il coinvolgimento del personale: solo marketing o c’è dell’altro?

Interessante, sull’ultimo numero della newsletter di Intranetfiles, l’articolo di Valentina De Vita dedicato alla fase di promozione interna della intranet. Come abbiamo detto spesso anche da queste colonne, la interanet vive della partecipazione di tutti, ed è un processo di coinvolgimento progressivo: ovvia quindi la necessità di attivarsi per una sua rapida ed efficace “penetrazione” in tutta la popolazione aziendale.L’autrice distingue, a mio avviso correttamente, tra mezzi di diffusione push e pull.

Vorrei fare solo un’unica precisazione, riguardo al coinvolgimento “bottom-up”: la partecipazione degli utenti nella creazione dei contenuti viene letta, in questo contesto, come una strategia di marketing, mentre a mio parere resta l’asse strategico del progetto in tutte le sue fasi. In questo senso, nella fase iniziale può, certo, contribuire alla promozione del progetto, rivelandosi però efficace ed essenziale anche nelle fasi più mature di esercizio ed evoluzione. Ad ogni mdoo, buona lettura.

3 Commenti

  1. tolli ha detto:

    Devo darti atto Giacomo che in questo senso la tua concezione di Intranet è originale e superiore….

  2. 02068449 ha detto:

    onoratissimo, Tolli…
    ;-)

  3. utente anonimo ha detto:

    Grazie per la bella recensione!

    Sono d’accordo sulla sfumatura tra asset strategico e strategia di marketing interno. Concordo che senza un processo di gestione dei contenuti correlato ad una propensione alla condivisione e alla partecipazione degli utenti una intranet non esiste.

    Saluti

    Valentina De Vita

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede