Home » Piccolo guru

Mar
27

Piccolo guru

slide su intranetIl guru non dà spiegazioni, ma lancia suggestioni. Il guru non illustra concetti, ma racconta storie.  Il guru non entra mai nei dettagli tecnici, ma regala citazioni tratte da ambiti disciplinari differenti. Il guru, infine, non mostra mai slide troppo complesse, ma semplici parole evocative per ipnotizzare la platea.

Insomma, è proprio così che, mio malgrado, mi sono sentito sabato. E le mie slide, (che vi faccio scaricare, tanto sono fatte si e no da una parola), sono una testimonianza della mia saccente guruaggine alla buona. Era, anche, un mio esperimento personale, ma non mi è piaciuto mica tanto. (insomma, alla fine mi sono sono sentito un po’ un pirla. va bè).

6 Commenti

  1. kindofbeauty ha detto:

    Grazie per le slide sull’intranet. Per qualche minuto mi è sembrato di essere di nuovo in aula con il mio guru preferito Alessandro (Lucchini, e chi se no?), ai tempi bellissimi del master :-)

  2. 02068449 ha detto:

    ubi maior…

  3. utente anonimo ha detto:

    Dopo 4 anni (!) di tentativi sono finalmente riuscito a far si che anche la banca diretta più grande del mondo abbia una intranet degna di tale nome.

    E grazie alle slide il mio progetto sarà presentato un po’ meglio di come avrei sperato!

    (a presto per il risultato finale)

    Claudio

  4. 02068449 ha detto:

    121 in bocca al lupo…

    (ah, ma allora le slide sono ancora ancora discrete…Guarda nelle note alle singole slide: troverai qualche sorpesa…)

  5. gianusa ha detto:

    Ho curiosato un po’ le tue slide, sono efficaci e essenziali.

    Sono stato, anche, colpito da alcuni effetti, che solo il carisma di un guru poteva permettersi …

    Gianluca

Lascia un commento

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry http://www.intranetmanagement.it/cookies/

Questa pagina utilizza i cookies, come le pagine di mezzo mondo. I cookies sono una cosa che fa parte della vita, ok? Don't worry

Grazie mille per la pazienza. E' l'Europa che ce lo chiede